Translate

giovedì 2 marzo 2006

Le vere mani che grondano sangue.

Ricordate quest'uomo ? E' Nicolae Ceausescu, criminale dittatore comunista della Mia Seconda Patria, la Romania. Talmente sanguinario da essere accostato in Patria a Vlad Tepes, meglio conosciuto come Dracula.
Ebbene decine e decine di comunisti italiani per anni hanno non solo stretto le mani a questo boia, ma hanno tessuto le sue lodi e perfino scritto prefazioni ai suoi scritti ed ai suoi libri tradotti in italiano. Comunisti importanti e famosi.
Ma queste cose i comunisti alla Diliberto, che ha definito le mani di Bush e Berlusconi sporche di sangue, le sanno bene. Ma sperano nell' oblio del tempo. Per dimenticare che il comunismo in tutto il mondo ha seminato solo SANGUE, ORRORE E MORTE.
Ma noi non dimentichiamo e lo rammentiamo.
I comunisti non sono cambiati, perche NON POSSONO CAMBIARE. E quando non arrivano all' eliminazione fisica dell' avversario, cercano di annullarlo con l'odio e la diffamazione.

3 commenti:

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

Ecco i commenti:

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

#1 02 Marzo 2006 - 21:25

Basterebbe leggere Ignazio Silone in "Uscita di sicurezza" per capire. Pinguino nero
pinguinonero



#2 02 Marzo 2006 - 21:44

Sono con te, come sono con Imre Nagy in Ungheria e con la primavera di Praga in quella che fu Cecoslovacchia.

Non cambieranno mai, maledizione.
liberoconcetto



#3 03 Marzo 2006 - 10:28

Capisco il tuo dolore, il comunismo dalle tue parti ne ha fatte di stragi, ma non credo che il fascismo e il nazismo ne abbiano fatte di meno.
Se tutti continuiamo a guardare il passato non andremo più avanti.
I comunisti di oggi non sono i dittatori che hanno macchiato di sangue le vostre terre, come anche i fascisti e i nazisti di oggi non sono le stesse persone che hanno fatto stragi di ebrei.

Io, però vedo una piccola differenza, i comunisti di oggi, almeno quelli italiani, ammettono gli errori di dittatori come il tuo. Quelli che invece si defisniscono neo-fascisti, no, anzi, continuano a dire che l'olocausto non è esistito, cosi come non sono esistite le camere a gas e i milioni di morti ebrei.

Essere comunista oggi, non vuol dire volere una nuova dittatura, essere fascisti vuol dire rimpiangere un dittatore e sperare in un nuovo fascismo
baronerik

Starsandbars/Vandeaitaliana ha detto...

#4 04 Marzo 2006 - 11:16

Il comunismo non può cambiare, infatti quando Gorbacev provò a riformare l'URSS, questa crollò.

Questi non capiscono che se non fossimo intervenuti militarmente ora saremmo noi a grondare sangue. Ma si sa, per loro è lecito solo un intervento armato come quello in Ungheria: allora, per Togliatti era sacrosanto.

CHE SCHIFO! SI VERGOGNINO!
ago86



#5 06 Marzo 2006 - 19:49

vorrei averlo scritto io questo pezzo.
esprime perfettamente quello che penso.

dittaturacleric



#6 07 Marzo 2006 - 13:07

A dimostrazione che non cambiano mai, ecco lo scritto di baronerik,che mette tutto nel calderone.
E via con le solite tiritere, tipo i comunisti italiani sono belli e buoni.
Infatti è nel nome del comunismo italiano che sono stati massacrati i ventuno ragazzi raccontati in "Cuori
Neri".
E gli stessi comunisti anche oggi inneggiano a Fidel ed ostentano magliette con quel criminale di Che Guevara.
E sono solo i comunisti che si ostinano a non vedere le differenze evidenti tra NazionalSOCIALISMO e Fascismo.
Sono sempre i comunisti che, per ignoranza o malafede, non distinguono tra Negazionismo e Revisionismo.
Si mascherano da buoni lupi,ma sempre lupi rimangono...
Vandeaitaliana



#7 07 Marzo 2006 - 15:25

Da quando e` al potere, Fidel ha condannato a morte 17000 persone. La sinistra pero` si arrabbia se in america c`e` ancora la pena di morte!
ago86